Our Blog

Dopo il post della scorsa settimana dedicato ai Commercianti, oggi “Worx Informa” si rivolge a un’altra categoria di lavoratori autonomi: gli Artigiani. Ovvero imprenditori che, impiegando in modo abituale e prevalente il proprio lavoro manuale per la creazione di beni o servizi, sono iscritti alla sezione INPS dedicata.

A quali contributi sono tenuti gli Artigiani? Vediamolo nel dettaglio.

 (altro…)

Ancora una puntata di “Worx informa” per affiancare i liberi professionisti e rispondere ai dubbi più comuni sugli obblighi fiscali, scadenze comprese. Il post di oggi si rivolge ai commercianti: cerchiamo di far chiarezza su quali siano i contributi dovuti, e su cosa accada per i commercianti con Partita Iva in Regime Forfettario.

 (altro…)

Questa settimana la sezione “Worx Informa” cerca di rispondere a una domanda che i liberi professionisti pongono spessissimo al loro commercialista di fiducia: quali Spese di Rappresentanza è possibile scaricare?

Innanzi tutto, un passo indietro.

Cosa sono le Spese di Rappresentanza?

 (altro…)

Fai parte dei Regimi Forfettari (le Partite Iva agevolate introdotte dalla legge di Stabilità 2015) e tratti operazioni con clienti o fornitori esteri? È una situazione molto frequente. Worx Informa risolve i tuoi dubbi su come è necessario comportarsi in questi casi, sia per quanto riguarda le modalità di fatturazione, sia per l’eventuale necessità di iscriversi al sistema Elettronico VIES. Di cosa si tratta?

Regimi Forfettari

 

CESSIONE DI BENI INTRA UE

I contribuenti con Regimi Forfettari dovranno emettere la fattura senza IVA indicando la dicitura: “l’operazione non costituisce cessione intracomunitaria ai sensi dell’art. 41- comma 2 DL 331/93”.

Non è necessaria l’iscrizione al Sistema Elettronico di Scambi Sull’Iva (VIES) e non deve essere presentato il modello INTRASTAT. Ricordati sempre di apporre sulla fattura una marca da bollo da 2 Euro.

 

ACQUISTI DI BENI INTRA UE

Fino ad un ammontare di Euro 10.000, gli acquisti non sono considerati intracomunitari. Questo significa che non è necessario essere iscritti al VIES, ma obbliga il fornitore ad emettere fattura con IVA.

Oltre la soglia di Euro 10.000, gli acquisti sono considerati invece considerati intracomunitari. Di conseguenza diventa obbligatoria l’iscrizione al VIES, e la fattura va integrata con l’IVA (questo implica ovviamente che il fornitore la emetterà senza IVA). Attenzione alla scadenza: l’IVA va versata entro il 16 del mese successivo.

Andrà inoltre presentato il modello INTRASTAT (un obbligo, questo, che verrà meno dal 2018).

 

PRESTAZIONI DI SERVIZI RESE INTRA UE

In questi casi l’operatore italiano dovrà essere iscritto al VIES, ma anche verificare l’iscrizione al VIES del cliente. La fattura sarà compilata senza IVA, riportando la dicitura “reverse charge”. 

Anche per questo tipo di prestazioni sarà necessario presentare il modello INTRASTAT.

 

PRESTAZIONI DI SERVIZI RICEVUTE

L’operatore italiano dovrà necessariamente essere iscritto al VIES e integrare la fattura estera con l’IVA. La scadenza per il versamento dell’IVA sarà sempre il 16 del mese successivo.

La presentazione del modello INTRASTAT è necessaria.

Trattandosi di operazioni molto frequenti su cui riscontriamo spesso dubbi e incertezze, ti ricordiamo che il nostro staff di professionisti specializzati in assistenza alle Partite Iva è in grado di darti tutte le indicazioni che ti servono: anche nel caso in cui tu non sia iscritto a Worx. Puoi contattarci o passarci a trovare a Milano in via Cesare Battisti 21 (fermata metro S. Babila).

Il nostro blog informativo ti dà appuntamento alla prossima settimana. Resta aggiornato anche attraverso la pagina Facebook di Worx.

Ancora un appuntamento di “Worx Informa” sulle Partite Iva in Regime Forfettario: il regime fiscale agevolato introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, che include numerose semplificazioni e agevolazioni per liberi professionisti e imprese di piccole dimensioni. 

Come ricordavamo in un post precedente, per accedere al Regime Forfettario devono essere rispettati alcuni requisiti, ed è necessario non incorrere in una delle cause di esclusione previste dalla norma.

Alcune di queste regole riguardano il costo complessivo sostenuto per l’acquisto di beni strumentali: vale a dire quei beni che servono all’attività professionale del titolare di Partita Iva.

 (altro…)

Questa settimana una nuova puntata di “Worx Informa” aiuta i lettori a fare chiarezza su una definizione spesso sfuggente: che cosa si intende per Lavoro autonomo occasionale? Vediamone insieme definizione e limiti.

 (altro…)

Anche chi già possiede già una Partita Iva può accedere all’agevolazione in vigore dal 1 gennaio 2016: il Regime Forfettario. Si tratta di un regime fiscale agevolato introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, che include numerose semplificazioni e agevolazioni per liberi professionisti e imprese di piccole dimensioni.

 (altro…)

Ancora una news targata “Worx Informa” per aggiornare i lavoratori autonomi sulle novità normative che li riguardano. Occhio alla novità: dal 29 agosto, data di entrata in vigore della legge 124/2017, è obbligatoria l’emissione di un preventivo in forma scritta da parte dei professionisti.

 (altro…)

La sezione “Worx informa” invita i suoi lettori a prendere nota di una novità in arrivo sul fronte “agevolazioni per liberi professionisti”. Dal 2018 sarà possibile usufruire del “Bonus Pubblicità Incrementale”, incentivo fiscale per la pubblicità sui media tradizionali, a vantaggio di aziende e lavoratori autonomi, ma anche microimprese, PMI e Startup innovative.

 

Bonus Pubblicità Incrementale

Bonus Pubblicità Incrementale: di cosa si tratta

Il  Bonus Pubblicità Incrementale è un’agevolazione fiscale (credito di imposta) che permetterà di incentivare gli investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali (sia analogiche che digitali).

Dal 2018 potranno usufruirne imprese e lavoratori autonomi, per investimenti pubblicitari effettuati a partire dal 24 giugno 2017, data dell’entrata in vigore della legge.

Il credito di imposta ammonterà al  75% del valore incrementale per imprese e lavoratori autonomi, elevato al 90% del valore incrementale per piccole e medie imprese, microimprese e startup innovative. 

Per ottenere il contributo è necessario che il valore degli investimenti pubblicitari superi dell’1% il valore degli investimenti dello stesso tipo sostenuti nell’anno precedente, e sui medesimi media. Vale a dire che sono incentivati gli investimenti in pubblicità effettuati, in misura maggiore rispetto all’anno precedente, sullo stesso stesso mezzo di informazione.

È previsto un tetto massimo di spesa,  che viene stabilito annualmente con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione.

Ulteriori dettagli riguardanti le spese ammissibili, i casi di esclusione, la procedura per la presentazione della domanda di accesso all’agevolazione, la documentazione richiesta e i successivi controlli saranno descritti nel decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, che sarà pubblicato entro il 22 ottobre 2017. 

Prima o dopo questa data, i professionisti dello Sportello di Assistenza Fiscale interno a Worx rinnovano la loro disponibilità per offrire a tutti gli interessati chiarimenti e supporto sul Bonus Pubblicità Incrementale. E non solo!

Ti aspettiamo come sempre a Milano, in Via Cesare Battisti 21 (fermata metro San Babila). Oppure puoi contattarci all’indirizzo info@worxmilano.it.

“Worx informa” continua ad accompagnarti, tenendoti aggiornato su novità normative e opportunità che potrebbero sfuggirti. Non rimanere indietro: leggi i post settimanali del blog di Worx e resta aggiornato attraverso la pagina Facebook dedicata.

0

Una Milano che investe sullo sviluppo delle forme innovative di lavoro e che crede nell’economia della condivisione. Su queste premesse lo scorso 11 agosto Worx è stato invitato a partecipare alla presentazione pubblica di un nuovo bando di finanziamento indetto dal Comune di Milano in favore dei coworking, alla presenza dell’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio Cristina Tajani.

 (altro…)