Our Blog

0

Artigiani e Commercianti con Partita Iva in regime dei minimi o in regime forfettario: attenzione a non perdere occasioni per la deducibilità dei vostri contributi.  “Worx informa” oggi si rivolge a voi, in vista della prossima dichiarazione dei redditi: ecco i nostri suggerimenti per la deduzione degli oneri previdenziali INPS.

Artigiani e Commercianti

Innanzi tutto una premessa: come per tutti gli imprenditori, anche i redditi di Artigiani e Commercianti sono soggetti per obbligo a contribuzione previdenziale.

Se nel corso del 2016 hai versato delle somme a questo titolo, ricordati di esibire durante la tua dichiarazione dei redditi le quietanze di pagamento dei contributi previdenziali. Questa documentazione ti permetterà di dedurre gli oneri previdenziali INPS da tuo reddito, sia che tu sia un “contribuente minimo” , sia che tu sia un “contribuente forfettario”. In quest’ultimo caso, gli oneri previdenziali sono l’unica spesa deducibile analiticamente.

Ecco le scadenze da segnare in agenda:

Contributi fissi

16 febbraio

16 maggio

20 agosto

16 novembre

Eventuali Contributi a percentuale

16 giugno (saldo e acconto, rateizzabile)

30 novembre (secondo acconto).

 

Non dimenticare: quest’anno la scadenza per il versamento delle imposte e dei contributi è il 30 giugno.

Per gestire al meglio le tue scadenze, ti invitiamo ad organizzare per tempo la raccolta della documentazione utile per la tua dichiarazione dei redditi, programmando in anticipo l’appuntamento con il tuo professionista di fiducia.

Per qualsiasi necessità, rivolgiti al nostro staff di specialisti nel trattamento del lavoro libero professionale. Contattaci o passaci a trovare a Milano in via Cesare Battisti 21 (fermata metro S. Babila).

Per rimanere sempre aggiornato su novità, scadenze, opportunità relative al mondo del lavoro autonomo segui i post settimanali del nostro blog e la pagina Facebook di Worx.

Share This